La vetrina del teatro Co.f.as 2011 Teatro Cuminetti domenica 13 febbraio T.I.M. teatro instabile di Meano: " Si Può "


 

Il progetto

Lo spettacolo è liberamente tratto dal teatro canzone di Giorgio Gaber e Sandro Luporini e nasce da un’intrinseca domanda: è possibile restituire la forza di quel teatro senza l’interpretazione di Giorgio Gaber?
Domanda sbagliata: perché la risposta può essere solo frustrante, per qualsiasi interprete.l 013
E perchè così confinerebbe nelle collezioni audio-video un repertorio nato per il teatro, per confrontarsi con la gente, per verificarsi con un pubblico-persona-occhio-cuore-cervello.

Accettare le sollecitazioni che Gaber e Luporini ci lasciano è poi un esercizio salutare: per mettere a nudo i pregiudizi, per testare la tenuta della scala di valori cui facciamo riferimento. Per scoprire che alla fine è la persona il centro, lo strumento e la misura di qualsiasi rinnovamento.

La scenografia è pensata per rafforzare quest’ultimo concetto e ripresenta il Modulor dell’architetto Le Corbusier, linea guida di un’architettura-città a misura d’uomo.

l 069I brani proposti in questa raccolta-spettacolo, rappresentano la doppia anima di questa ricerca: da un lato il confronto con se stessi, in bilico tra il proprio limite e la propria grandezza, dall’altro il confronto con gli altri, con la società, con la nostra dimensione politica.

I testi di Giorgio Gaber e Sandro Luporini

Quella di Gaber e Luporini, rappresenta un’esperienza unica nel genere, per il linguaggio e i temi trattati: un teatro di intervento, di considerazioni sull’oggi, che si è spesso rivelato anticipatore di importanti istanze sociali.l 142

Gaber raccontava: “Noi ci conoscemmo nel ’59: io avevo appena cominciato questo mestiere e Luporini abitava a Milano. Eravamo dei vicini di casa. Io allora facevo assolutamente il cantante, lui faceva assolutamente il pittore e cominciammo a scrivere delle cose insieme così, per divertimento e perché ci piacevano delle cose un po’ particolari… quindi lo facevamo per il piacere di farlo, per la voglia di stare insieme e poi perché spesso le amicizie si consolidano facendo insieme delle cose, altrimenti rimangono un po’ impotenti. Questa vicinanza, questo affetto che è durato negli anni, ha trovato nello spazio teatrale la dimensione più congeniale a quel tipo di cose!”.


Gli interpreti

Voce, Roberto Volcan Chitarra, Claudio Volcan

Luci e suono di Andrea Volani, Nicola Merci e Stefano Bassetti

Scenografie di Paolo Nones

Regia di Sergio Bortolotti

I dati tecnici

Per la messa in scena dello spettacolo sono necessarie almeno le seguenti caratteristiche:

  • misure minime palcoscenico: larghezza 5 m, profondità 4,5 m
  • quadratura nera (fondale e quinte)
  • graticcio o soffitta attrezzata
  • potenza minima impegnata 6 kW
  • n° 1 presa CEE pentapolare rossa da 380 V – 16 A (3 fasi+neutro+terra)
  • n° 2 prese CEE tripolari blu da 220 V – 16 A (2 poli+terra)