In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta. Ho sempre cercato
di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere
in forse le opinioni, di aprire un po’ le teste. 
Tutto il resto non mi interessa.” – Dario Fo

Questa frase schietta, descrive a pieno lo spirito artistico con cui Dario Fo affrontava il palcoscenico.
Spirito che si ritrova anche in “Isabella, tre caravelle e un cacciaballe”, commedia del 1963 che
riprende le vicende di Cristoforo Colombo, dandone una lettura meno idilliaca di quella che si è
abituati ad ascoltare a scuola. Un racconto “dissacrante” e ironico sull’impresa di Colombo e sul
periodo storico tardocinquecentesco, che non sembra poi tanto difforme dalla nostra contemporaneità.
Lo spettacolo racconta gli stratagemmi del navigatore genovese per convincere la regina Isabella ad affidargli tre
caravelle per salpare dal porto di Palos, il 3 agosto 1492, alla volta delle Americhe, pardon, delle Indie,
circumnavigando la terra. E si concentra poi sul processo che egli subì al rientro dai suoi viaggi.
Un copione già scritto, forse uno spettacolo da non vedere, anche se, per tornare alla frase iniziale di Dario Fo,
magari sul palcoscenico c’è davvero “una crepa capace di mandare in crisi le certezze” e le verità che ci hanno
raccontato.

Lo spettacolo si articola in due atti di 55 e 45 minuti.

 

           personaggi ed interpreti

regina  ISABELLA                  Lorena Simoni
re  FERDINANDO                  Paolo Casagranda
COLOMBO                               Dino Patton
ancella HIMURÉ                     Alice Dal Monech
ancella ARABEL                      Angelica Moser
dotto CASTILLO                      Pio Moser
dotto HIDALGO                       Khalid Tai Tai
dotto VÁZQUEZ                       Christian Dallapiccola
QUINTANILLA                        Andrea Delai
principessa GIOVANNA         Alice Dal Monech
vescovo FONSECA                   Andrea Delai
capitano PINZON                     Roberto Volcan
marinaio CHICO                       Pio Moser
marinaio ESTEBAN                 Khalid Tai Tai
marinaio RODRIGO                 Christian Dallapiccola
governatore DE OVANDO       Roberto Volcan

narrazioni ROBERTO VOLCAN e  LORENA SIMONI

luci, musiche e suoni di Stefano Bassetti e Paolo Nones
        scenografie di Paolo Nones e Renzo Merci
                   costumi di Katia Bonmassar

                       regia di Nicola Merci